E’ quanto ha ritenuto l’ANAC con l’orientamento n.11/2014.

L’Autorità ha stabilito che:
“In materia edilizia, le DIA e le SCIA sono considerate equiparate a provvedimenti amministrativi di autorizzazione o di concessione e, pertanto, soggette agli obblighi di pubblicazione previsti dall’art. 23 del d.lgs. n.33/2013, in considerazione degli effetti sostanziali ad esse conseguenti, equivalenti a quelli degli atti che esse sostituiscono.

In tali casi, l’amministrazione è tenuta a pubblicare, per ciascuna DIA e SCIA oltre ai dati di cui all’art.22, co.2, anche eventuali atti adottati dall’amministrazione in conseguenza delle presentazione di dette dichiarazioni (quali ad esempio, gli atti di esercizio di poteri inibitori di cui all’art.19, c.3, della legge n. 241/1990).”

VINCENZO SMALDONE

Condividi.

Informazioni sull'autore

Invia una risposta