Si può ordinare a qualcuno di essere felice?

0
173

Si può ordinare a qualcuno di essere felice?

L’ordinanza del sindaco di Barisardo, in provincia di Nuoro, forse deve essere apprezzata dal punto di vista della promozione territoriale e turistica. A ben pensarci, a costo “zero” molte persone andranno a visitare il sito internet di questo piccolo Comune, dopo che i “social” avranno fatto rimbalzare questo atto da una parte all’altra del web. Dei tanti surfisti del web, qualcuno si appassionerà a questi magici luoghi sardi e deciderà, con il rito della befana, di regalarsi una settimana di vacanze in un posto reso noto da un’ordinanza sindacale, oscillante tra il serio ed il faceto.

Se questa era l’intenzione del sindaco Mameli Ivan, allora: applausi a scena aperta! Ci piace fare da piccola cassa di risonanza ad un’iniziativa intelligente e carica della sapienza di chi sa che –talvolta- promuove meglio il territorio un’iniziativa del genere che l’applicazione di professionisti del marketing territoriale.

Al netto di queste considerazioni, torniamo alla domanda iniziale:

Si può ordinare a qualcuno di essere felice?

Il Sindaco di Barisardo (in occasione del Natale) ritiene di si, affidandosi a queste parole:

ORDINA
a tutti di proporsi di trascorrere, con serenità e gioia, il Santo Natale e tutte le festività;
a tutti, più in generale, per il futuro, di proporsi, con la massima forza e tenacia, al bene per sé stessi e per il prossimo, in particolare per chi è più fragile, ammalato o solo.

Ancor più bello è l’ordine di “proporsi al bene per il prossimo”, superandosi la leva egoistica dell’augurarsi il proprio bene.

È chiaro che, dal punto di vista giuridico, questa ordinanza sembra una burla e forse lo è. Ma non ci va di dileggiare chi ci ha messo la faccia con questo colpo di eccentricità. In fondo, se l’intento era quello di far guadagnare visibilità al proprio territorio, non si poteva fare un mero comunicato stampa, occorreva stupire, eccedere, rendersi criticabile, etc.

Per questo non giocherò a fare il giurista e starò al gioco pure io.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui