Requiem per il ricorso amministrativo contro la segnaletica.

L’articolo 49 del decreto-legge 16 luglio 2020, n. 76, è rubricato alla voce “Disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle infrastrutture stradali e autostradali” e, come conseguenza della Legge di conversione, al comma 5 ter, introduce una surrettizia e corposa modifica del Codice della strada.

Per adesso occupiamoci solo del laconico inciso di cui alla lettera e) che recita: “all’articolo 37, il comma 3 è abrogato”.

Di cosa si tratta?

Semplice, sparisce il ricorso amministrativo gerarchico improprio contro i provvedimenti istitutivi della segnaletica stradale; in sostanza sparisce il seguente testo: “Contro i provvedimenti e le ordinanze che dispongono o autorizzano la collocazione della segnaletica è ammesso ricorso, entro sessanta giorni e con le formalità stabilite nel regolamento, al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, che decide in merito”.

Peraltro, per cancellare ogni traccia di questo ricorso, il 5-quater dell’art.49 del D.L. Convertito, sancisce: “L’articolo 74 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, è abrogato”.

Ovviamente grazie alla disdicevole tecnica legislativa che ha accompagnato la conversione del decreto-legge 16 luglio 2020, n. 76, non è dato sapere quali siano stati i reconditi motivi di questa espunzione di un rimedio giustiziale che aveva il gran pregio della democraticità e della economicità di accesso.

Il MIT si spoglia di alcune funzioni e competenze (di quelle più scoccianti) che storicamente gli appartenevano e non v’è dubbio che ciò risponda alla utilità di scaricare funzioni sgradite, indirizzando tutto il contenzioso in materia presso gli organi di giustizia amministrativa (TAR e Consiglio di Stato), con innegabili effetti di contrazione del contenzioso in materia, attesa la cospicua onerosità di accesso alla Giustizia Amministrativa.

L’uso e l’abuso dell’articolo 7 da parte dei Comuni resterà ormai pressoché impunito, con buona pace della partecipazione della cittadinanza attiva alle piccole scelte di governo del territorio che attengono alla segnaletica stradale.

Condividi.

Informazioni sull'autore

Pino Napolitano

Avvocato, dirigente comunale, Dottore di ricerca e specializzato in Diritto Amministrativo.

Invia una risposta