Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, su esplicita richiesta di una azienda di autotrasporto di cose, ha emanato una nota chiarificatrice in merito a quanto dettato dalla normativa sul divieto di transito dei mezzi con massa superiore a 7.5 t per i giorni festivi fuori dai centri abitati.

 

La nota del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti 23/4/2018 n. 2740, così si esprime:

Quesito sulla corretta applicazione delle deroghe ai sensi dell’art. 3 del Calendario dei divieti di circolazione dei mezzi pesanti – DM n. 571 del 19/ 12/2017 – V.S. nota del 22 febbraio 2018

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGA ZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE

Direzione generale per la sicurezza stradale

OGGETTO: quesito sulla corretta applicazione delle deroghe ai sensi dell’art. 3 del Calendario dei divieti di circolazione dei mezzi pesanti – DM n. 571 del 19/ 12/2017 – V.S. nota del 22 febbraio 2018.

Con riferimento alla nota in oggetto, si precisa quanto segue.

L’art. 3, comma 2, lettera b), del DM cito ” per i veicoli che compiono percorso per il rientro alle sedi dell’ impresa intestataria degli stessi, principale o secondarie, da documentare con l ‘esibizione di un aggiornato certificato di iscrizione alla Camera di commercio, industria ed artigianato, purché tali veicoli non si trovino ad una distanza superiore a 50 km dalle medesime sedi a decorrere dall’ orario di inizio del divieto e non percorrano tratti autostradali.

La ratio di tale dispositivo è quella di garantire all’autista che si trova in circolazione ed ad una distanza inferiore ai 50 km dalla sede dell’impresa di trasporto per cui lavora, di proseguire il viaggio con il proprio veicolo per raggiungere la medesima sede nonostante l ‘inizio del divieto di circolazione.

Tale assunto trova la sua giustificazione sia per evitare che l’autista rimanga fermo su strada per tutta la durata del divieto senza far ritorno in sede nonostante la distanza da percorrere sia minima, nel rispetto dei principi dell’ organizzazione del lavoro, e sia per evitare che un mezzo pesante rimanga inutilmente in circolazione su strada in coerenza agli obiettivi di sicurezza stradale.

La disposizione in esame, tra l ‘altro, ai fini dell’applicazione della deroga de qua, non indica come condizione essenziale che il veicolo debba essere privo del carico, in quanto il medesimo potrebbe essere carico e far ritorno in sede per un eventuale “rottura” del medesimo carico ovvero per essere predisposto ad nuovo trasporto il giorno seguente.

A parere di questo Ufficio, quindi, per l’utilizzo della deroga è necessario solamente che l’autista del veicolo, nel caso si trovasse nelle condizioni di cui all’ art. 3, comma 2, lettera b) ed in caso di controllo da parte di un organo accertatore, dimostri con le modalità e documentazioni appropriate di trovarsi in un percorso di rientro alla sede dell’impresa.

* Comandante P.L. Unione dei Comuni Padova Nordovest – Piazzola sul Brenta

Condividi.

Informazioni sull'autore

Girolamo Simonato

Comandante della Polizia Locale di Piazzola sul Brenta (Pd), è esperto in materia di sicurezza stradale e sicurezza luoghi di lavoro, è docente per materie inerenti all’autotrasporto merci e persone, cantieri stradali, macchine operatici e agricole. Attualmente collaboratore di numerose riviste di settore tra le quali CSC Trasporti, Professione camionista per la sicurezza stradale e “Il Centauro” di ASAPS.

Invia una risposta