Autotrasporto, confisca e prova della colpevolezza.

Secondo Cass. civ. Sez. II Ord., 01/03/2018, n. 4866, In materia di autotrasporti, la sanzione accessoria della confisca non può – in difetto della sussistenza dell’elemento soggettivo (almeno) della colpa – essere considerata legittima ove applicata al proprietario della merce (destinatario, in via generale, di tale misura accessoria, ove prevista obbligatoriamente) nei cui confronti non sia emerso che abbia partecipato all’affidamento del trasporto al vettore abusivo o che si sia comportato in modo specificamente negligente rispetto all’accertamento della regolarità del trasportatore. E’ il solito ricorrente tema della necessità che l’accertamento della violazione sia fatto acclarando l’esistenza della responsabilità colpevole, senza sovrapporre il ruolo di obbligato in solido con quelli di trasgressore.

Condividi.

Informazioni sull'autore

Pino Napolitano

Avvocato, dirigente comunale, Dottore di ricerca e specializzato in Diritto Amministrativo.

Invia una risposta