La questione del “cinque minuti” tra le due misurazioni etilometriche arriva al vaglio della Cassazione

0
21

A seguito di controllo con etilometro gli agenti avevano disposto il ritiro della patente dell’automobilista, per aver riscontrato con due controlli effettuati rispettivamente alle ore 22,42 e alle 22,47 tassi alcolemici di 0,7 e 0,78 g/l. Tanto il giudice di prime cure quanto quello di appello affermavano che la tecnica di misurazione era stata corretta, essendo trascorso, tra l’una e l’altra operazione di verifica, il termine di cinque minuti previsto dall’art. 379 reg. C.d.S., comma 2. La decisione del giudice di appello veniva impugnata in Cassazione.

Con sentenza n° 17929 del 13 agosto 2014, la sezione II della Suprema Corte, riteneva infondato il ricorso sulla base dei seguenti motivi:

“L’art. 379 reg. C.d.S., comma 2, relativo all’accertamento della guida sotto l’influenza di alcool, da determinarsi in base al valore della concentrazione di alcool nell’aria alveolare espirata, stabilisce che: “La concentrazione di cui al comma 1 dovrà risultare da almeno due determinazioni concordanti effettuate ad un intervallo di tempo di 5 minuti”. Nessuna disposizione della norma o del codice autorizza a ritenere che i cinque minuti debbano essere intesi come “liberi”, cioè intercorrenti tra la fine di una prova e l’inizio della seconda. Un intervallo di tempo tra due prove si misura di norma, in mancanza di diverse prescrizioni, tra due riferimenti omogenei, quali l’inizio della prima e l’inizio della seconda o la fine della prima prova e la fine della seconda. Se vi fossero anomalie nella conduzione dell’una o dell’altra prova si potrebbe dubitare della fedeltà nella conduzione dell’esame, ma nel caso di specie cosi non è. Nei due scontrini di refertazione del test rilasciati dallo strumento e sottoscritti dagli agenti – fotocopiati a pag. 4 del ricorso – si legge che la prima analisi ebbe inizio alle 22,42 e fine alle 22,43 e che la seconda iniziò alle 22,47 e si concluse alle 22,48. Fu quindi osservato l’intervallo di 5 minuti prescritto dall’art. 379, norma che non indica neppure, come vorrebbe il ricorrente, che l’intervallo sia “almeno” di 5 minuti, ma – seccamente – che tale sia il tempo che deve trascorrere, tempo che evidentemente è proprio quello stimato congruo dal legislatore per rendere affidabile la verifica”.

Pino Napolitano

P.A.sSiamo

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui