Con il D.L. 12 settembre 2014, n. 132  (Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell’arretrato in materia di processo civile) pubblicato in GU (Serie Generale n.212 del) il 12 settembre 2014 ed in vigore dal 13 settembre, sono state dettate alcune disposizioni di interesse per chi opera in P.A.

In questa sessione ci occuperemo di tratteggiare il tema delle spese di soccombenza.

Orbene, l’articolo 13 (rubricato alla voce: modifiche al regime della compensazione delle spese”.) recita:  “1. All’articolo 92 del codice di procedura civile, il secondo comma e’ sostituito dal seguente:

 

«Se vi e’ soccombenza reciproca ovvero nel caso  di  novita’  della questione trattata o mutamento della giurisprudenza, il giudice  puo’ compensare, parzialmente o per intero, le spese tra le parti.».  

2. La disposizione di cui al comma 1  si  applica  ai  procedimenti introdotti a decorrere dal trentesimo giorno  successivo  all’entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.

Il testo del secondo comma dell’articolo 92 cpc, in vigore fino al 13 settembre 2014 recitava:

Se vi è soccombenza reciproca o concorrono altre gravi ed eccezionali ragioni, esplicitamente indicate nella motivazione, il giudice può compensare, parzialmente o per intero, le spese tra le parti”.

Con la modifica oggi in vigore, sebbene destinata ad essere applicata (se convertita nei termini sopra riportati) solo tra qualche tempo, si attenua il principio in base a cui le spese del giudizio debbono seguire la soccombenza in maniera pedissequa, salvo eccezionalità di motivi e si crea un meccanismo di favore alla compensazione delle spese stesse, atteso che non è infrequente che insorga carattere di “novità” nella trattazione delle cause.

Una sorta di “marcia indietro” rispetto alla previsione della L. 18 giugno 2009, n. 69 che, tra l’altro, aveva irrigidito il sistema preveniente di collegamento tra soccombenza giudiziale e spese del giudizio stesso.

Pino Napolitano

P.A.sSiamo

Condividi.

Informazioni sull'autore

Invia una risposta