L’associazionismo obbligato delle funzioni fondamentali dei comuni (tra cui la funzione di Polizia Locale), necessario a ridurre la spesa pubblica corrente, è principio fondamentale di coordinamento della finanza pubblica ed è pertanto costituzionalmente legittimo.

 

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 44 del 13 marzo 2014 ha respinto le censure sollevate da alcune Regioni sull’art. 16, D.L. n. 138/2011, disposizione modificata dall’art. 19, D.L. n. 95/2012, che ha obbligato i Comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti a gestire con Unioni o convenzione le funzioni indicate come fondamentali dalla legge statale ed i relativi servizi.

Marginali gli accoglimenti: solo alcune questioni relative a procedure e maggioranze consiliari per il varo delle forme associative.

 

Per gli appassionati del tema, in allegato, la sentenza.

Pino Napolitano

P.A.sSiamo

 

 

Condividi.

Informazioni sull'autore

Invia una risposta