Va ricondotta alla nozione di strada vicinale di uso pubblico la via che:

a) consente il passaggio esercitato iure servitutis publicae da parte di una collettività indeterminata di persone in assenza di restrizioni all’accesso;

b) è collegata con la viabilità generale;

c) è (eventualmente) connotata da un uso pubblico protratto da tempo;

d) è stata, o è, oggetto di interventi di manutenzione da parte del Comune e di installazioni, anche sotterranee, di infrastrutture di servizio (telefoniche, elettriche, fognarie, acquedottistiche) da parte di ente pubblico.

Con questa pronuncia (Cons. Stato Sez. V, Sent., 23-09-2015, n. 4450), si conferma che fosse ne giusto sindaco del comune di Mergozzo nell’ordinare la rimozione delle catene di interclusione di una strada interpoderale, in relazione ai connotati di vicinali della stessa.

Pino Napolitano

P.A.sSiamo

Condividi.

Informazioni sull'autore

Invia una risposta