Con la pubblicazione nella G.U. del 19/06/2017 del Decreto Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, è stato “normato” il countdown, cioè il semaforo che segna i secondi per l’accensione della luce rosso o verde.

Il Decreto prevede quanto segue:

Art. 1  Oggetto e finalità

  1. Sono approvate le norme inerenti le caratteristiche per l’omologazione e per l’installazione di dispositivi finalizzati a visualizzare il tempo residuo di accensione delle luci dei nuovi impianti semaforici, denominati countdown, di cui all’art. 60, comma 1, della legge 29 luglio 2010, n. 120, che si riportano in allegato al presente decreto di cui fanno parte integrante.
  2. Le presenti norme sono dirette a tutti gli enti proprietari di strade di uso pubblico individuate dall’art. 2 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, nuovo Codice della strada, e successive modificazioni.

Art. 2 Ambito di applicazione

  1. Le presenti norme si applicano nel caso di installazione di nuovi impianti semaforici, o nel caso della integrale sostituzione di impianti esistenti intesa quale sostituzione delle lanterne e del regolatore semaforico.
  2. L’impiego dei dispositivi finalizzati a visualizzare il tempo residuo di accensione delle luci, ove previsto dagli enti proprietari di strade, deve essere effettuato in abbinamento con:

lanterne semaforiche pedonali e per velocipedi  per  indicare il tempo residuo negli attraversamenti pedonali e ciclabili;

lanterne semaforiche veicolari che regolano sensi unici alternati;

lanterne semaforiche veicolari normali che regolano il transito in intersezioni tra strade con una corsia per senso di marcia, senza attraversamenti pedonali e ciclabili.

  1. Gli enti proprietari di strade possono impiegare i dispositivi finalizzati a visualizzare il tempo residuo di accensione delle luci semaforiche anche in impianti semaforici esistenti con gli abbinamenti di cui al comma 2 e per la regolazione dei sensi unici alternati temporanei istituiti nel caso di cantieri stradali.

Art. 3 Entrata in vigore

  1. Ai sensi dell’art. 60, comma 2, della legge 29 luglio 2010, n. 120, le disposizioni del presente decreto si applicano decorsi sei mesi dalla sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Il dispositivo entrerà in vigore in modo “ufficiale” a far data dal 19 dicembre 2017, come disciplinato dall’art. 3 del decreto.

I dispositivi già utilizzati, potranno eventualmente rimanere in servizio, ma solo se rispetteranno i criteri di omologazione e se non sono posizionati più di 4 metri sopra il piano viario.

 * Comandante P.L. Unione dei Comuni Padova Nordovest – Piazzola sul Brenta

Condividi.

Informazioni sull'autore

Girolamo Simonato

Comandante della Polizia Locale di Piazzola sul Brenta (Pd), Consigliere Nazionale ASAPS è esperto in materia di sicurezza stradale e sicurezza luoghi di lavoro, è docente per materie inerenti all’autotrasporto merci e persone, cantieri stradali, macchine operatici e agricole. Attualmente collaboratore di numerose riviste di settore tra le quali CSC Trasporti, Professione camionista per la sicurezza stradale e “Il Centauro” di ASAPS.

Invia una risposta