Domanda: i compra oro possono riaprire dal 4 maggio ?

Risposta: L’ attività di vendita ed il commercio di oggetti  preziosi rientra nei codici ateco 46 e 47.   Dall’allegato 3 del DPCM 26 aprile  2020  risulta che il  commercio con   codici ateco 46 (tra cui anche il commercio di oro) è  da ritenersi commercio all’ingrosso e quindi consentito tranne alcune specifiche  esclusioni. Non è consentito  il commercio al dettaglio di orologi, articoli di gioielleria e argenteria appartenente al codice ateco 47 individuati nello specifico nel  codice ateco 47.77.  Ne consegue che l’attività di compro oro rientrante nel commercio all’ingrosso è consentita se è riferita all’acquisto dei metalli preziosi e giammai può essere riferita  alla vendita al dettaglio.

Va ricordato che l’esposizione della merce in un attività commerciale con accesso al pubblico è da considerarsi proposta irrevocabile di vendita e quindi la merce,  una volta esposta, si intende posta in vendita. Nel caso in cui un’attività  commerciale  possiede entrambi i codici ateco l’esercizio commerciale, fermo restante tutti gli adempimenti di cui al D.Lgs. 92 del 25 maggio 2017, può esercitare l’attività di compra oro  senza mettere a disposizione del cliente la  merce, nelle vetrine  e tantomeno può esporre sulla pubblica via  gioielleria argenteria per la vendita al minuto.

Circa l’apertura delle attività di compra oro vi sono diversi parere  sulla natura giuridica dell’acquisto di metalli preziosi e sull’assimilabilità della fattispecie all’ attività al commercio all’ingrosso dei compra oro.

vedasi Prefettura di Milano  contenuto  Nota Prot. 15.5/2020-002593 del 04/05/2020

 La Prefettura di Milano  ritiene   in modo alquanto approssimativo e poco collimante alle norme di riferimento (Dpcm 26 Arpile 2020, D.lgs n° 92/2017, D.lgs 114/98) che l’attività di compro oro all’ingrosso dal 4 maggio 2020, allorquando gli oggetti preziosi acquistati da privati, pur essendo rivenduti a soggetti economici con partita IVA, configurassero una operazione commerciale al dettaglio.

 Vedasi: Faq camera di commercio Ragusa

I compro oro, codice ATECO 46.72.20, possono aprire?

Sì. una volta che viene autorizzata una divisione (l’insieme identificato dalle due cifre D.P.C.M. 26 APRILE 2020) della classificazione ATECO, sono automaticamente autorizzate tutte le attività con codice ATECO a 3, 4 , 5 o 6 cifre che abbiamo come primi due numeri la divisione autorizzata.

Nei caso dei compro oro, poiché il loro codice (a 6 cifre) rientra nella divisione 46 che è inclusa nell’allegato 3 del DPCM del 26 aprile, potranno aprire dal 4 maggio.

— Fonte Confcommercio, Settore Commercio e legislazione d’impresa

 vedi anche:

13.Nota questura  di Firenze compro oro

12. NOTA MINISTERO INTERNO APERTURA COMPRO ORO 4 MAGGIO

In conclusione si ritiene che  nessuna vendita al dettaglio può essere consentita se non rientrante nei codici di  cui all’allegato 1 del citato DPCM. Ma può essere consentita l’attività di acquisto di oro  per la previsione di cui  all’allegato 3) del DPCM del 26 aprile 2020, infatti  anche se l’oro (o altri preziosi) vengono  acquistati  da singoli, ai fini della definizione dell’attività svolta, essa  può essere considerata  come commercio  all’ingrosso[1] la cui identificazione è rilevabile dalle modalità di vendita e non dalla modalità di acquisto dei beni;  nel caso in esame i metalli preziosi  non sono  messi in vendita negli esercizi dove vengono  acquistati ma venduti successivamente ad altri soggetti che non risultano essere i consumatori finali.[2]

                                                                               

[1] Per “commercio allingrosso” si intende l’attività esercitata da chiunque professionalmente acquista, in nome e per conto proprio, merci che poi rivende ad altri commercianti (grossisti o dettaglianti), ad utilizzatori professionali o ad altri utilizzatori in grande, in qualsiasi ambito e forma.

 [2] Per commercio al dettaglio si intende l’attività svolta da chiunque professionalmente acquista merci in nome e per conto proprio e le rivende, su aree private in sede fissa o mediante altre forme di distribuzione, direttamente al consumatore finale.

Condividi.

Informazioni sull'autore

Giuseppe Capuano

Comandante Polizia Municipale

Invia una risposta