Pubblicato in Gazzetta Ufficiale, il Decreto Sicurezza bis ( n.53-2019) ed il DPR 54-2019.

0
1

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale, il Decreto Sicurezza bis ( n.53-2019) ed il DPR 54-2019.

Il Decreto Sicurezza bis, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.138 del 14 giugno 2019. Siamo così al cospetto del D.L. 14 giugno 2019 n.53, rubricato alla voce “Disposizioni urgenti in materia di sicurezza pubblica”.

Il Decreto si compone di 18 articoli, scomposti in 3 distinti Capi e contiene disposizioni in materia di: “Frontiere marittime e terresti”; “ nuove sanzioni per l’immigrazione clandestina”;

“intercettazioni connesse all’immigrazione clandestina”; “cooperazione internazionale polizia”; “strutture ricettive”; “manifestazioni in luoghi pubblici e aperti al pubblico”; “organico per la Giustizia”; “Daspo per manifestazioni sportive”; “contrasto al bagarinaggio” “differimento dei termini per l’attuazione del Codice Privacy in tema di trattamento dei dati effettuato per le finalità di polizia dal Centro elaborazioni dati (CED) del Dipartimento della pubblica sicurezza”; “differimento al 31 dicembre 2019, del termine di applicazione delle norme in materia di intercettazioni introdotte dal D.Lgs. 29 dicembre 2017, n. 216”.

 

Sulla stessa Gazzetta Ufficiale (n.138 del 14 giugno 2019) è stato pubblicato il D.P.R. 28 marzo 2019, n. 54, recante il “Regolamento recante modifica dell’articolo 331 del decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, concernente i certificati medici attestanti l’idoneità psicofisica dei conducenti di veicoli a motore”. Si tratta della sostituzione dell’art. 331 del Reg. Es. CdS. Questo è il nuovo testo:

«Art. 331 (Art. 119 cod. str.) (Attestazione dei requisiti di idoneità psicofisica alla guida di veicoli a motore).

  1. L’attestazione del possesso dei requisiti di idoneità psicofisica necessari per il rilascio della patente di guida è comunicata per via telematica, dal sanitario o dalla commissione medica locale di cui all’articolo 119 del codice, al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti secondo le modalità stabilite con decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, adottato previo parere del Garante della protezione dei dati personali, e deve essere conforme al model- lo informatizzato di cui all’Allegato IV.4, al Titolo IV – Parte II.
  2. Se il medico accertatore ritiene non sussistenti i requisiti di idoneità per il rilascio o la conferma di validità della patente di guida o di una delle categorie cui essa si riferisce, ovvero ritiene necessario imporre al richiedente specifiche prescrizioni o adattamenti, ovvero ancora prevede una conferma di validità del documento per un termine inferiore a quello ordinariamente previsto dall’articolo 126 del codice, rilascia all’interessato un’attestazione adeguatamente motivata avverso la quale è ammesso ricorso nei modi consentiti dall’ordinamento.».

la norma è –insolitamente- retroattiva….. in vigore dal 1 giugno 2019.

Gazzetta Ufficiale 138 del 14 giugno 2019

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui