Obiettivo del D.Lgs. 14 marzo 2014 n.49 è prevenire o ridurre gli impatti negativi derivanti dalla progettazione e dalla produzione delle AEE (Apparecchi Elettrici  Elettronici) e dalla produzione e gestione dei RAEE(articolo 1) in ottemperanza dei criteri previsti dal Codice Ambiente (artt. 177-180 D.lgs. 152/2006).
Il Decreto  entrerà in vigore il 12 aprile 2014

 

si applica a: 

  • AEE rientranti nelle categorie di cui all’Allegato I, sino al 14 agosto 2018; 
  •  AEE classificate nelle categorie dell’Allegato III dal 15 agosto 2018.

 non  si applica (art. 3) a:

  • alle apparecchiature necessarie per la tutela degli interessi essenziali della sicurezza nazionale, comprese le armi, le munizioni e il materiale bellico, purché destinate a fini specificamente militari;
  •  apparecchiature progettate e installate specificamente come parte di un’altra apparecchiatura che e’ esclusa o che non rientra nell’ambito di applicazione, purche’ possano svolgere la propria funzione solo in quanto parti di tale apparecchiatura;
  • lampade a incandescenza.

l’articolo 3 specifica poi un elenco di AEE per le quali il decreto non si applica a far data dal 15 agosto 2018.

Gestione dei RAEE

L’articolo 5 assegna al Ministero dell’Ambiente di concerto con il MISE il compito di stabilire regole (nel rispetto dei Criteri di priorità nella gestione dei RAEE di cui all’articolo 6) per:

  • la cooperazione tra produttori e operatori degli impianti di trattamento, recupero e riciclaggio
  • favorire la progettazione e la produzione ecocompatibili di AEE, al fine di facilitare le operazioni di smontaggio, riparazione, nonché’ le operazioni di preparazione per il riutilizzo, riutilizzo, recupero e smaltimento dei RAEE, loro componenti e materiali, con particolare riguardo per quei prodotti che introducono soluzioni innovative per la diminuzione dei carichi ambientali associati al ciclo di vita; 
  •   sostenere il mercato dei materiali riciclati anche per la produzione di nuove AEE. All’articolo 7, il D.Lgs. n.49/2014 stabilisce che i RAEE sono prioritariamente avviati ai centri accreditati di preparazione per il riutilizzo (costituiti in conformità al decreto di cui all’articolo 180-bis, comma 2, del Codice Ambiente), dove saranno costituite aree adibite al “deposito preliminare alla raccolta” dei RAEE domestici destinati alla preparazione per il riutilizzo.

Il D.lgs. è diviso  in cinque  titoli: nel Titolo I dedicato ai principi generali,  si disegna il sistema di gestione dei RAEE con riferimento agli obblighi dei produttori di AEE (art. 8) . Il Capo II è tutto dedicato alle operazioni di “Deposito preliminare alla raccolta, raccolta, trattamento adeguato e recupero” (artt. 11-1) mentre il Capo III approfondisce le “Autorizzazioni, spedizioni e vendita a distanza” di RAEE da parte di impianti o imprese(artt.20-22). Il Titolo III riguarda il “Finanziamento della gestione dei RAEE” (artt. 23-25), gli oneri informativi (Titolo IV), sul coordinamento-controllo e vigilanza sulla gestione dei RAEE, che passa attraverso la regolamentazione del Centro di coordinamento (artt. 34 e 35) e del Comitato d’indirizzo sulla gestione dei RAEE (art. 36).

Sanzioni

Il Titolo VI disciplina le le sanzioni  prevedendo per:

  • il distributore (art. 38) che indebitamente non ritira, a titolo gratuito, un’AEE (sanzione da euro 150 ad euro 400, per ciascuna apparecchiatura non ritirata o ritirata a titolo oneroso);
  • il produttore che non provvede ad organizzare il sistema di raccolta separata dei RAEE professionali (sanzione amministrativa pecuniaria da euro 30.000 ad euro 100.000) (vedi ulteriori violazioni infra art. 8 co2 lett. a)-h))mancata iscrizione degli impianti di trattamento al registro del Centro di Coordinamento (sanzione amministrativa pecuniaria da euro 2.000 ad euro 20.000)
     

Antonio Sabatino

P.A.sSiamo

Condividi.

Informazioni sull'autore

Redazione

Invia una risposta