Trama della puntata odierna è: “ora vi mostro io come si ridimensiona la previdenza integrativa finanziabile con i proventi di cui all’articolo 208 del codice della strada”.

Un comune della florida Lombardia, ha –difatti- chiesto parere alla competente sezione regionale per sapere –in soldoni- se si potessero sottrarre dal monte complessivo dei proventi sanzionatori in percentuale destinati anche alla previdenza integrativa del personale di Polizia Locale, quelli derivanti dagli accertamenti elettronici relativi ai transiti abusivi in ZTL; decurtazione da realizzarsi sul presupposto del minimo impegno che “l’uomo/agente di Polizia Locale” mette nel procurare un’entrata dovuta essenzialmente alla bontà della tecnologia.

 

La Corte, nel parere che  qui si allega a beneficio degli iscritti al sito www.passiamo.it, abbastanza laconicamente afferma: “che non sussistano motivi per considerare i proventi da “sanzione amministrativa del pagamento di una somma” per violazioni ZTL (art. 7, comma 14, CdS) esclusi dalla più ampia tipologia dei proventi delle “sanzioni amministrative pecuniarie” ex art. 208, comma 1 e dalle modalità di utilizzo per esse disegnate.

Valgano in proposito le seguenti considerazioni:

  • le norme che disciplinano il sistema ZTL sono parte integrante del CdS e le relative violazioni rientrano a pieno titolo fra le “violazioni previste da presente codice” (art. 208, comma 1, CdS) i cui proventi sono oggetto di devoluzione ai comuni;
  • in entrambi i casi, i proventi scaturiscono dalla comminazione di una “sanzione amministrativa pecuniaria”;
  • la condizione fissata dall’art. 208 comma 1 – l’accertamento delle violazioni da parte di agenti del comune – affinché i citati proventi sia devoluti all’ente, ricorre necessariamente anche nel sistema ZTL, non risultando sufficiente la semplice rilevazione della violazione ad opera di mezzi elettronici per affermare la pretesa sanzionatoria  del comune medesimo.

            A parere di questa sezione, dunque, fra i proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie per violazioni previste dal CdS, devolvibili ai sensi dell’art. 208 comma 1 del medesimo CdS ai comuni, vanno ricompresi anche i proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie per le violazioni rilevate dalle telecamere all’interno della ZTL ex art. 7, commi 9 e 14 del medesimo CdS”.

Risposta scontata, così come è diventata tristemente scontata la “guerra tra poveri”, nell’invidiarsi (tra dipendenti comunali) i pochi Euro che una Legge speciale assegna a taluno, mentre ad altri nega.

Pino Napolitano

 

P.A.sSiamo

Condividi.

Informazioni sull'autore

Invia una risposta