Il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, con il parere (reso in favore della Regione Piemonte) 1039/2015, fa lo slalom tra i “paletti stretti”, per essere in tema con l’ultima neve di primavera che a sorpresa sta cadendo, nel ponte di Pasqua, su alcune località d’Italia. Acrobazie ragionevoli, poiché si doveva paralizzare l’iniziativa di alcuni piccoli comuni in cui non vi sono uffici di polizia né agenti in servizio di Polizia Municipale, di installare e mettere in funzione misuratori di velocità destinati a funzionare in modalità automatica. I sindaci dei piccoli centri possono anche svolgere funzioni di polizia stradale, sostanzialmente al posto dei vigili, ma possono farlo limitatamente alla prevenzione ed all’accertamento delle infrazioni e alla rilevazione degli incidenti; questa attività tuttavia non è perpetua  permanente ma dovrebbe essere limitata ad un orario “di servizio”. infine, quando si tratta di usare l’autovelox, non è possibile avvalersi di postazioni fisse che funzionano in automatico: occorre che l’apparecchio sia presidiato.

La questione è abbastanza stucchevole, in sostanza, quindi non merita ulteriori commenti.

Si allega il parere MIT per chi voglia sorridere durante il ponte di Pasqua, se non trova -causa pioggia- di meglio da fare.

Pino Napolitano

P.a.sSiamo

 

Condividi.

Informazioni sull'autore

Invia una risposta