Al via…..l’Indice Nazionale dei Domicili digitali (INAD)

0
282

Sarà consultabile  dal 6 luglio 2023, ma è implementabile  già da adesso (dal 6 giugno 2023)  l’Indice Nazionale dei Domicili Digitali (INAD). I cittadini possono registrare  proprio domicilio digitale, con un indirizzo PEC , dove ricevere tutte le comunicazioni ufficiali da parte della Pubblica Amministrazione.

Per registrarsi  basta collegarsi al sito https://domiciliodigitale.gov.it, accedendo con SPID, CIE o CNS, e inserire il proprio recapito certificato.

INAD è previsto dall’art. 6-quater del CAD   ed in data  15 settembre 2021, erano state pubblicate , dall’AGID (agenzia per l’Italia Digitale), le linee guida

Con il  domicilio digitale, i cittadini, professionisti e aziende hanno a disposizione  un canale semplice e immediato per ricevere le comunicazioni ufficiali da parte della P.A., con un risparmio significativo di tempi e costi”

 Possono eleggere il proprio domicilio digitale:

  • le persone fisiche che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età;
  • i professionisti che svolgono una professione non organizzata in ordini, albi o collegi ai sensi della legge n. 4/2013;
  • gli enti di diritto privato non tenuti all’iscrizione nell’INI-PEC.

Dal 6 luglio 2023 le Pubbliche Amministrazioni utilizzeranno, se presente nell’elenco, il domicilio digitale per tutte le comunicazioni con valenza legale e dalla stessa data la banca dati è consultabile da chiunque inserendo semplicemente il codice fiscale della persona di cui si vuol conoscere il domicilio digitale.

È gia previsto dalla stessa data l’interfaccia di consultazione massiva da parte delle P.A dei gestori di pubblico servizio e dei soggetti privati aventi diritto, li mediante la Piattaforma Digitale Nazionale Dati (PDND).

Come registrarsi – Per eleggere il proprio domicilio digitale è necessario accedere al portale  https://domiciliodigitale.gov.it e registrarsi al servizio utilizzando il Sistema Pubblico d’Identità Digitale (SPID), la Carta d’Identità Elettronica (CIE) o la Carta Nazionale dei Servizi (CNS). Una volta effettuata la registrazione, il sistema chiederà di inserire il proprio indirizzo PEC da eleggere come domicilio digitale. A partire dal 6 luglio 2023, il domicilio digitale eletto sarà attivo e consultabile.

Il Codice dell’Amministrazione Digitale prevede che il domicilio digitale dei professionisti iscritti in INI-PEC, l’indice nazionale degli Indirizzi PEC delle imprese e dei professionisti,  venga importato automaticamente su INAD in qualità di persona fisica, restando salva la possibilità di modificarlo, indicando un altro indirizzo PEC.

 

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui