L’ATTRAVERSAMENTO PEDONALE RIALZATO NON È UN DOSSO.

0
3802

Il Ministero dei lavori pubblici con la nota n^ 2867 del 2001,  ebbe modo di chiarire definitivamente che gli attraversamenti pedonali rialzati, non vanno considerati come dissi o rallentatori di velocità così come definito anche dall’art 179 del regolamento di esecuzione del codice della strada. Nella stessa nota si legge: “ Le stesse opere si configurano quale modifica al profilo longitudinale di una strada e per esse non occorrono particolari autorizzazioni di questo Ufficio quanto piuttosto motivazioni tecniche di opportunità o necessità che lo stesso Ente può e deve valutare.
Tali opere possono essere eseguite dall’Ente proprietario della strada, utilizzando esclusivamente materiali previsti dalla vigente normativa, e garantendo comunque la percorribilità della strada, assumendosi la responsabilità di eventuali inconvenienti o danneggiamenti di veicoli che abbiano a verificarsi per effetto di tali modifiche.”

Con questa importante precisazione del ministero dei lavori pubblici, cioè che gli attraversamenti pedonali rialzati non sono dossi, essi posso essere installati anche su strade dove circolano mezzi di soccorso e di pronto intervento.

L’attraversamento pedonale rialzato consiste, nello specifico, in una soprelevazione della carreggiata, con rampe di raccordo nel senso longitudinale alla marcia dei veicoli, realizzata per dare continuità (di quota) al marciapiede ed al percorso pedonale in corrispondenza di un attraversamento pedonale.

Nell’attraversamento pedonale rialzato la precedenza del pedone sui veicoli in transito viene sancita anche fisicamente; non è il pedone che scende dal marciapiede per “invadere” la carreggiata utilizzata dai veicoli in transito, ma è il veicolo in transito che sale al livello del marciapiede dove sono in transito i pedoni che hanno la precedenza: nell’attraversamento pedonale rialzato l’intruso è il veicolo.

Sotto il profilo strutturale questo tipo di attraversamento può essere installato solo su strade ove il limite di velocità sia <=50km/h, rispettando però i seguenti criteri strutturali:

  • Su strade con velocità compresa tra i 30 e i 50 km/h la pendenza massima della rampa non deve superare il15%, l’ampiezza dell’ attraversamento non inferiore a 3,50m e la lunghezza trasversale non deve superare le due corsie
  • Su strade con velocità inferiore a 30 km/h la pendenza massima della rampa non deve superare il 17,5%, l’ampiezza dell’ attraversamento non inferiore a 3,50m e la lunghezza trasversale non deve superare le due corsie

Per rendere maggiormente visibile la rampa di raccordo, tra il livello della carreggiata ed il livello del marciapiede, è opportuno prevedere strisce di colore alternato, Bianco/Nero o Giallo/Nero. Inoltre va predisposta a monte e a valle dell’ attraversamento l’opportuna segnaletica verticale di preavviso.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui