Tar Campania, Salerno, 10/03/2014, n. 560.

Importante decisione del Tar Salerno che ribadisce il principio fondamentale richiamato dall’art. 7 della L. n. 241/90, nel senso che il diritto alla partecipazione  non deve essere osservato in maniera meccanicistica, essendo volto non solo ad assolvere ad una funzione difensiva a favore del destinatario dell’atto conclusivo, ma anche a consentire all’amministrazione di avere elementi di giudizio adeguati per la formazione di una volontà completa e meditata. In pratica, oltre ai noti casi di atto vincolato, o di mancanza di prova in ordine all’allegazione (se informato) di prove che avrebbero potuto determinare una decisione diversa, si richiama il principio del raggiungimento dello scopo.

 

Condividi.

Informazioni sull'autore

Invia una risposta