Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Calabria ci fornisce un interessante punto di vista in merito alla relazione tra “decoro urbano” e “limitazione del numero degli impianti pubblicitari” (T.A.R. Calabria Catanzaro Sez. I, 21/01/2019, n. 93): “la previsione di un limite quantitativo o dimensionale ad impianti pubblicitari rientra nell’ambito del potere di gestione del territorio spettante all’amministrazione comunale anche al fine di tutelare il decoro cittadino ed appare coerente e non contrastante con i principi di ragionevolezza e di iniziativa privata costituzionalmente garantito”.

Condividi.

Informazioni sull'autore

Pino Napolitano

Avvocato, dirigente comunale, Dottore di ricerca e specializzato in Diritto Amministrativo.

Invia una risposta