Con l’avvicinarsi del Capodanno è cosa buona, giusta nonché saggia rimarcare che è primario per la salute delle persone astenersi da fare uso di giochi pirici vietati. Peraltro è buona norma fare anche un uso ponderato e corretto dei giochi pirici autorizzati, avendo sempre cura di proteggere i bambini da potenziali malfunzionamenti.

In disparte l’avviso di “civiltà e salute” che è doveroso e sincero, in adesione alla connotazione giuridica di questo sito ci pregiamo di sottoporre ai lettori il link di un interessante articolo di stampa de “il giorno” (cronaca locale) pubblicato il 28 dicembre scorso.

Passando, poi, dalla cornaca locale a quella nazionale, diventa eclatante la notizia della sospensione, da parte del TAR del Lazio, dell’ordinanza del Sindaco Raggi (ecco il link al sito del “sole24ore”).

La stampa richiamata ci rammenta che spesso, troppo spesso, i Sindaci si lanciano nel firmare ordinanze di divieto mal scritte (anche sul piano grammaticale), pur di realizzare uno scopo commendevole e meritorio.

Per quanti scrivono le ordinanza per i sindaci….. attenti alle cattive figure!

(…capitò da queste parti che venne pubblicata un’ordinanza nella quale si “faceva obbligo di accendere i botti”…. sol perché, l’insana pratica del “copia-incolla” amata dagli uffici, era stata fallace :-))

La vignetta “nera” di Bastardidentro.com è appropriata per rammentare a tutti di non cedere alla tentazione di fare il grosso sbaglio di accendere un fuoco vietato.

attenzione-con-i-botti

 

Condividi.

Informazioni sull'autore

Pino Napolitano

Avvocato, dirigente comunale, Dottore di ricerca e specializzato in Diritto Amministrativo.

Invia una risposta