Ampliata la sospensione dei termini delle Emergenza COVID-19; DL 23-2020.

0
235

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale (GU Serie Generale n.94 del 08-04-2020) il DECRETO-LEGGE 8 aprile 2020, n. 23, recante: “Misure urgenti in materia di accesso al credito e di adempimenti fiscali per le imprese, di poteri speciali nei settori strategici, nonché interventi in materia di salute e lavoro, di proroga di termini amministrativi e processuali”.

In chiave di informazione preliminare si richiama l’attenzione sul capo V, articolo 36 e 37.

Il primo, rinvia i termini giudiziari all’11 maggio 2020, per cui, a parere di chi scrive: con riferimento alla presentazione di ricorsi giurisdizionali – a norma dell’articolo 83, del D.L. 17 marzo 2020, n. 18 (modificato dall’art. 36 del D.L 23/2020) – nei confronti: dei verbali di cui al Codice della Strada; delle Ordinanze – Ingiunzioni, adottate dal Prefetto in materia di Codice della Strada; delle ordinanze ingiunzione, di cui all’art. 18 della L. 689/1981; delle cartelle esattoriali spiccate per la riscossione coattiva delle somme considerate dai verbali di cui al Codice della Strada e dalle ordinanze ingiunzione, dal 9 marzo 2020 , al 11 maggio 2020, è sospeso il decorso dei termini per il compimento di qualsiasi atto. Si intendono pertanto sospesi, per la frazione di tempo sopra indicata: i termini per la proposizione degli atti introduttivi del giudizio; i termini dei procedimenti esecutivi; i termini per le impugnazioni delle sentenze; in genere, tutti i termini procedurali. Ove il decorso del termine abbia inizio durante il periodo di sospensione, l’inizio stesso è differito alla fine di detto periodo.
Il secondo, rinvia i termini dei procedimenti, per cui: ai sensi del combinato disposto dell’art.103 del DL n.18/2020 e dell’art. 37 del D.L. n.23/2020, a decorrere dal 23 febbraio 2020 e sino al 15 maggio 2020, sono sospesi i termini ordinatori o perentori, propedeutici, endoprocedimentali, finali ed esecutivi, relativi allo svolgimento di procedimenti amministrativi su istanza di parte o d’ufficio. È da ritenere che questa sospensione si possa applicare (coerentemente con la preveniente circolare Prot, 300/A/2625/20/115/28, del 3 aprile 2020) anche con riguardo al procedimento d’irrogazione delle sanzioni introdotte dall’art. 4 del DL n. 19/2020, nonché ai procedimenti previsti dall’art. 126bis comma 2 e dall’art. 180 comma 8 C.d.S.

DL 23 del 8 aprile 2020
Ad ogni buon conto, si allega il testo del Decreto Legge 23/2020

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui