Se manca la pianificazione di difesa della costa e di sistemi di allertamento e protezione civile, la soluzione non è precludere la spiaggia ai cittadini, durante l’inverno.

0
46

Se manca la pianificazione di difesa della costa e di sistemi di allertamento e protezione civile, la soluzione non è precludere la spiaggia ai cittadini, durante l’inverno.

L’Amministrazione non può giustificare l’adozione di un provvedimento che preclude totalmente (e senza termine dato) ai cittadini il godimento di un bene connesso a un interesse di rilevanza costituzionale, sulla base della mancata predisposizione degli strumenti e assunzione delle determinazioni previste dalla legge all’atto del conferimento dei poteri amministrativi di cura degli interessi pubblici.

Quindi, se manca un piano per mettere in sicurezza l’incolumità delle persone o l’ambiente, nel periodo invernale, la soluzione legittima non può essere quella di chiudere tout court la spiaggia.

Il T.A.R. Campania Napoli Sez. VII, con ordinanza cautelare del 01-02-2024, n. 242, ha quindi sospeso il provvedimento che: “stante il rappresentato timore per la pubblica incolumità riguardo l’assenza della pianificazione comunale di difesa della costa e di sistemi di allerta e protezione civile”, ha invitato la società B.E., “onerata della chiusura ed apertura del cancello pubblico di accesso all’arenile di Posillipo disciplinato con ordinanza AP n. 6/99 [dalle ore 20:00 alle ore 8:00 nel periodo da giugno a settembre; dalle ore 17:00 alle ore 9:00 nel periodo da ottobre a maggio], ad astenersi, a decorrere dal 31 ottobre p.v., dall’apertura del predetto cancello fino all’esito della emanazione della pianificazione“.

Il Collegio ha così argomentato:

– il Legislatore ha più volte affermato la necessità di garantire il diritto libero e gratuito di accesso e di fruizione della battigia, anche ai fini di balneazione, anche in caso di arenile dato in concessione (L. n. 296 del 2006, articolo 1, comma e 254; L. n. 217 del 2011, articolo 11, comma 2; L. n. 118 del 2022, articolo 4, comma 2);

– la giurisprudenza ha sancito la riconducibilità del demanio marittimo alla categoria dei beni pubblici il cui libero godimento afferisce alla tutela della personalità umana e del suo corretto svolgimento nell’ambito dello Stato sociale, e l’esigenza interpretativa di guardare al tema dei beni pubblici oltre una visione prettamente patrimoniale-proprietaria per approdare a una prospettiva personale-collettivistica, alla luce degli articoli 2, 9 e 42 della Costituzione (ex multis, Consiglio di Stato, sezione sesta, ordinanza n. 2543 del 2015; Sezioni Unite civili, sentenza n. 3665 del 2011; Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione siciliana, sentenza n. 990 del 2022);

Ritenuto, in particolare, che “con riferimento all’esigenza di consentire alla comunità di usufruire del mare … assume ancora maggiore rilievo normativo l’assunto che debba essere la pubblica amministrazione a farsi carico, con gli strumenti che l’ordinamento mette a disposizione, di individuare le modalità con cui la fruizione del mare possa essere accessibile a tutti, garantendo contemporaneamente la tutela del paesaggio e dell’ambiente” (Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana, sezione giurisdizionale, sentenza n. 990 del 2022, cit.).

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui