Quesito canile

Quesito su di un canile

DOMANDA: Egregio, è stata presentata presso l’Ufficio commercio (l’Ente non è dotato di SUAP) una SCIA per un canile; successivamente è stata presentata una SCIA per l’apertura di un esercizio di somministrazione di bevande ed alimenti (ristorazione) presso lo stesso centro, previa notifica sanitaria.

Preciso che il canile è posto in zona agricola e l’attività di somministrazione è rivolta a tutti e non solo ai frequentatori del centro stesso.

I carabinieri intervenuti hanno contestato la illegittimità della richiesta.

 

Risposta

Precisiamo subito che concordiamo con quanto sostenuto dai carabinieri.

Poichè l’attività di ristorazione esercitata nel canile è aperta a tutti gli avventori, trattasi evidentemente di attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande; pertanto, è necessario verificare che l’immobile abbia destinazione urbanistica ad uso commerciale.

Nel caso indicato, sembra di capire che il locale sia posto in una residenza agricola e, quindi, non ha le caratteristiche urbanistiche per l’avvio dell’attività.

L’ufficio commercio del comune dovrà, per conseguenza, dichiarare irricevibile la scia presentata per l’attività di somministrazione e disporre la cessazione dell’attività.

 

C. te a. r. Dr. Michele Pezzullo

Condividi.

Informazioni sull'autore

Invia una risposta