DOMANDA: ho un locale seminterrato con una scala di ingresso ampia di almeno 4 m e una tettoia di altezza 2 m ben visibile dalla strada. Appena all’ingresso di questa scala ho installato due tende che all’occasione chiudo per una questione di insonorizzazione. I vigili urbani mi contestano questa soluzione perché contrasterebbe con il requisito sorveglibilità dei locali. In effetti la norma stabilisce che in caso di locali parzialmente interrati, gli accessi devono essere integralmente visibili dalla strada, piazza altro luogo pubblico. 

A mio modo di vedere la questione è mal posta in quanto io non ho oscurato il mio accesso che rimane ben visibile con le relative insegne ed non osta all’ingresso di alcuna persona, ma I vigili non ritengono la mia motivazione valida. A questo punto tutti i locali interrati dovrebbero avere delle porte di ingresso almeno di vetro. Se ho ragione, come posso dimostrare questo ai vigili ?

Risposta

Il D. M. 564/92, recante il “Regolamento concernente i criteri di sorvegliabilità dei locali adibiti a pubblici esercizi per la somministrazione di alimenti e bevande”, all’art. 1, comma 3, stabilisce che “In caso di locali parzialmente interrati, gli accessi devono essere integralmente visibili dalla strada, piazza o altro luogo pubblico”.

Dall’analisi di tale disposizione appare evidente che non si intende che attraverso le porte di ingresso si debba avere la visione dell’interno del locale, bensì che la via di accesso e/o di uscita deve essere completamente visibile dalla strada, piazza o altro luogo pubblico, come recita la disposizione.

Infatti, se le tende posizionate all’esterno del locale interessato coprono solo la porta di ingresso e permettono di vedere le persone che accedono nello stesso o ne escono, non costituendo alcun impedimento all’ingresso ed all’uscita, non si ritiene che vi siano motivi ostativi all’accertamento dell’esistenza del requisito della sorvegliabilità eterna.

Ciò detto, penso che si deve, in buona sostanza, fare evidenziare agli agenti accertatori che gli accessi sono del tutto liberi e visibili, nulla rilevando che la porta di ingresso è coperta da due tende che, peraltro, vengono usate come forma di insonorizzazione.

Infine, si sottolinea che l’eventuale persistente parere negativo e conseguente diniego al rilascio dell’autorizzazione amministrativa per l’esercizio dell’attività, ovvero sospensione dell’attività già intrapresa, dovrà essere adeguatamente motivato, espresso in forma scritta, in modo da dare la possibilità, eventualmente, di ricorrere avverso a tale diniego.

Condividi.

Informazioni sull'autore

Michele Pezzullo

Invia una risposta