Quesito: Sequestro e confisca prodotti deperibili

0
397

domanda:

Buongiorno Comandante, ho dubbi sul sequestro finalizzato alla confisca di prodotti deperibili; nel caso specifico il sequestro di frutta e verdura ad un operatore ambulante senza autorizzazione.

In questo caso ho visto su alcuni siti che l’ordinanza di confisca è a firma del sindaco.

Qual è la giusta procedura per la confisca? Si può fare secondo voi contemporaneamente sul posto verbale di sequestro, confisca e distruzione?

Il mio dubbio è se si può fare il tutto contestualmente come detto sopra, soprattutto quando si tratta di prodotti ittici o frutta

Ma si potrebbe dare ad esempio la frutta in beneficenza???

Vi ringrazio per la vostra attenzione e il chiarimento che vorrete fornirmi.

 Polizia Municipale di A. (Le)

Risposta

Nel caso in cui l’operatore commerciale su aree pubbliche sia sprovvisto del prescritto titolo autorizzativo, gli agenti accertatori dovranno verbalizzare il commerciante e, contestualmente, procedere al sequestro dei prodotti posti in vendita, per la successiva confisca.

Se trattasi di prodotti non deperibili dovranno essere messi in deposito in attesa del provvedimento di confisca del Responsabile del Suap e la successiva destinazione.

Qualora sono sequestrate merci deperibili, quali prodotti alimentari, se vi è possibilità di un idoneo e adeguato deposito, igienicamente preservato, sempre il Responsabile del Suap emetterà ordinanza di confisca, riservandosi eventuale successiva destinazione.

Nel caso in cui non vi sia la disponibilità di un idoneo deposito, i prodotti alimentari sequestrati dovranno essere distrutti o devoluti a strutture benefiche o famiglie bisognose, eventualmente individuate dai servizi sociali.

Nel caso prospettato nel quesito, dobbiamo valutare due ipotesi.

Se trattasi di prodotti ittici, dopo il sequestro, il Responsabile del Suap deve adottare subito ordinanza di confisca e distruzione della merce sequestrata, motivando che il comune non ha strutture idonee alla conservazione di tali prodotti deperibili. Dopodiché si deve procedere alla distruzione, redigendo apposito verbale, precisando come e con quali mezzi è stata eseguita la distruzione (es. con lo sversamento in un automezzo adibito alla raccolta dell’umido, indicando l’ora, la targa del veicolo ed il nominativo del conducente del veicolo). Nel caso in cui trattasi, invece, di frutta o altri prodotti alimentari, il Responsabile del Suap deve adottare subito ordinanza di confisca e devoluzione della merce sequestrata, indicando se possibile l’ente caritatevole al quale devolvere tali prodotti.

La Polizia Municipale provvederà, quindi, a tale compito consegnando i prodotti e redigendo apposito verbale di devoluzione che dovrà essere sottoscritto anche dal responsabile dell’ente che riceve la merce.

Copia di detto verbale dovrà essere inviata al Responsabile del Suap.

                                                           C.te a. r. Dr. Michele Pezzullo

 

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui