Domanda: Buongiorno pongo un quesito, il titolare di un esercizio pubblico Bar che nel 2016 ha comunicato la sospensione dell’attività per 4 mesi per motivi di salute poi prorogata di volta in volta fino a febbraio 2019 allegando dei certificati medici, si può ritenere decaduta la Scia per sospensione oltre un anno?

Ringrazio e invio cordiali saluti

Agente L. M. Polizia Municipale del Comune di S. (Roma)

 

Risposta

In ordine al quesito proposto si deve premettere che, oggi la materia è regolata dal d. Lgs. 59/20010 (Decreto Bolchestein), che ha modificato e parzialmente sostituito la legge 287/91, in materia di somministrazione di alimenti e bevande.

Detta direttiva, all’art 64, comma 8, lett. b), ha stabilito che “l’autorizzazione e il titolo abilitativo decadono qualora il titolare sospenda l’attività per un periodo superiore a 12 mesi“.

Per quanto detto, quindi, e qualora la legge regionale del Lazio in tale materia non abbia stabilito diversamente, considerato che la predetta citata normativa non ha previsto la possibilità di alcuna proroga e che l’attività in argomento è stata sospesa per circa tre anni, si deve giungere alla conclusione che il Suap, preso atto sono decorsi oltre 12 mesi dalla sospensione dell’attività, dovrà procedere a dichiarare decaduta l’autorizzazione, ovvero la rimozione degli effetti della Scia, qualora il titolare dell’attività sia in possesso di tale titolo abilitativo.

Contestualmente dovrà ordinare la cessazione dell’attività e la chiusura del pubblico esercizio.

Si evidenzia , infine, che qualora l’attività in esame fosse stata avviata a seguito di presentazione di Scia, il Suap non potrà intervenire sulla stessa con revoca o annullamento, ma procedere solamente a dichiarala non più produttiva di alcun effetto, atteso che la Scia è una mera autocertificazione e non un provvedimento amministrativo, come ebbe a stabilire il Consiglio di Stato con la Sentenza del 29 luglio 2011, n. 15, che la definì “Atto privato non produttivo di effetti provvedimentali taciti”.    

Condividi.

Informazioni sull'autore

Michele Pezzullo

Invia una risposta