Offendere la reputazione  di una persona, nel caso di specie di un Comandante di Polizia Municipale, attraverso uno scritto inviato anche ad   una cerchia ristretta di persone, non adottando alcuna cautela, e  facendo si che nelle modalità di recapito non  siano state adottate  opportune cautele di riservatezza   rende applicabile il reato di cui all’articolo 595 comma 2 Cod. Pen.

Nel caso della sentenza del Giudice di Pace di Teano, l’imputato aveva   accusato un   Comandante della Polizia Municipale  di complicità con  non ben determinate persone accusandolo di favorire  le loro attività illecite. Dette  offese venivano, messe nero su bianco e trasmesse al comune a mezzo protocollo ed indirizzate all’ amministrazione comunale nonché agli altri organi burocratici del comune. L’imputato  non  adottava alcuna cautela  affinchè lo scritto fosse recapitato solamente alle persone in   indirizzo non garantendo in questo modo la riservatezza necessaria e  facendo si che lo scritto fosse nella disponibilità  anche di altre persone. Infatti la nota  veniva protocollata in modalità ordinaria e visibile da chiunque potesse accedere al sistema e non  veniva adottata  alcuna cautela di riservatezza. In tale comportamento  vi è una piena consapevolezza nell’operato dell’imputato e va rilevato  il dolo generico nella condotta posta in essere   in quanto lo stesso era consapevole della portata lesiva di tale comportamento e del contenuto degli scritti. Nel corso del processo l’imputato non ha dato alcuna prova dei fatti attribuiti alla parte offesa,  e quindi è stata accolta la tesi del pubblico ministero sulla configurazione del reato di diffamazione, piu grave del reato d’ingiuria di cui all’articolo 595 Cod. Pen. la fattispecie concreta della diffamazione è stata pienamente accertata in quanto la fattispecie presenta tutti i requisiti tipici del reato contestato: l’offesa contenuta negli scritti inviati, la diffusione e la divulgazione ad una cerchia non determinata di persone.

vedi sentenza

doc03655620181214193055

 

Condividi.

Informazioni sull'autore

Giuseppe Capuano

Comandante Polizia Municipale

Invia una risposta