La distinzione tra le sanzioni accessorie e le misure ripristinatorie.

Nell’invitare i lettori a partecipare alla sessione “sanzioni amministrative”del tradizionale convegno di Riccione, programmato per i prossimi 20 – 22 settembre 2018, vorrei anticipare uno dei contenuti del mio intervento. Si tratta della necesità di rifinire le conoscenza sul confine tra la sanzione in senso “tecnico” e le “altre misure ripristinatorie”.

In breve e solo per cenni:

la sanzione in senso stretto, ovvero la sanzione pecuniaria disciplinata dalla L. n. 689 del 1981, costituisce reazione dell’ordinamento alla violazione di un precetto cui è estranea qualunque finalità ripristinatoria o risarcitoria ed è inflitta nell’esercizio di un potere punitivo avente ad oggetto condotte, come avviene quando decide il giudice penale. A questa stregua, la commisurazione della misura afflittiva avviene attraverso un potere ontologicamente diverso dalla discrezionalità amministrativa, che presuppone una ponderazione di interessi, atteso che l’ampio margine di apprezzamento lasciato dalla legge all’amministrazione dovrebbe essere esclusivamente utilizzato per adeguare la sanzione alla gravità della violazione commessa ed alle condizioni soggettive dell’autore, restando escluso ogni giudizio di valore sugli interessi amministrativi tutelati dalla norma sanzionatoria. Sul piano delle situazioni giuridiche soggettive, tale discrezionalità (esercitata sulla base di criteri diversi, che prescindono dalla valutazione di qualsiasi interesse pubblico) fronteggia posizioni che – anche ai fini della giurisdizione – sono qualificabili di diritto soggettivo alla integrità patrimoniale. Sotto altro profilo, la sanzione in senso stretto è irrogata tramite un procedimento diverso da quello previsto dalla L. 7 agosto 1990, n. 241, è garantita dai principi di legalità, personalità e colpevolezza (T.A.R. Lazio Roma Sez. II quater, 03/07/2018, n. 7377).

Incontriamoci a Riccione!

Condividi.

Informazioni sull'autore

Pino Napolitano

Avvocato, dirigente comunale, Dottore di ricerca e specializzato in Diritto Amministrativo.

Invia una risposta