La confisca facoltativa va disposta, sempre, contestualmente all’irrogazione della sanzione.

Cass. civ. Sez. II, Sent., 14-04-2011, n. 8517, ci ricorda che “In tema di confisca, ai sensi della L. 24 novembre 1981, n. 689, art. 20 è necessario distinguere i casi in cui essa è obbligatoria, e l’ipotesi ricorre in quanto si tratta di cose la fabbricazione, l’uso, il porto, la detenzione o l’alienazione delle quali costituisce violazione amministrativa, da quelli in cui il provvedimento non è obbligatorio, e ciò avviene quando si tratta di cose intrinsecamente non pericolose, che sono oggetto di una attività che costituisce illecito se compiuta in assenza di autorizzazione amministrativa. Mentre nella prima ipotesi il provvedimento ablatorio deve sempre avere luogo, anche se non venga emessa l’ordinanza-ingiunzione, nella seconda situazione si fa luogo alla confisca soltanto se contestualmente si procede alla irrogazione della sanzione pecuniaria (Cass., Sez. 1^, 10 agosto 1992, n. 9437)”.

Condividi.

Informazioni sull'autore

Pino Napolitano

Avvocato, dirigente comunale, Dottore di ricerca e specializzato in Diritto Amministrativo.

Invia una risposta