Interdittiva antImafia.- Rapporti tra mafia e imprese: rilievo dei rapporti di parentela tra titolari, soci, amministratori, direttori generali dell’impresa e familiari. TAR CAMPANIA.

0
86

Il TAR Campania, con la sentenza 5125 del 18 settembre 2023 emessa dalla sezione I, ha sancito che la Pubblica Amministrazione nella valutazione di rapporti tra mafia e imprese, può dare rilievo anche ai rapporti che si possono instaurare tra i familiari dei dirigenti e titolari dell’attività con le associazioni mafiose, qualora tali rapporti risultino influenti nelle decisioni aziendali.

Di fatto nel corpo della sentenza si legge: “Ai fini dell’interdittiva antimafia, la Pubblica amministrazione può dare rilievo ai rapporti di parentela tra titolari, soci, amministratori, direttori generali dell’impresa e familiari – che siano soggetti affiliati, organici, contigui alle associazioni mafiose – laddove tale rapporto, per la sua natura, intensità o per altre caratteristiche concrete, lasci ritenere, per la logica del più probabile che non, che l’impresa abbia una conduzione collettiva e una regìa familiare (di diritto o di fatto, alla quale non risultino estranei detti soggetti) ovvero che le decisioni sulla sua attività possano essere influenzate, anche indirettamente, dalla mafia attraverso la famiglia, o da un affiliato alla mafia mediante il contatto col proprio congiunto.”

Con questa sentenza, si ribadisce la linea dura delle Istituzioni contro la conduzione mafiosa delle imprese.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui