Quesito:

In caso di rilievo di sinistro stradale con lesioni a persone viene contestata la violazione dell’articolo 7 del codice della strada (nello specifico: transito in senso contrario a quello previsto dalla segnaletica verticale). In questo caso è previsto il ritiro della patente di guida ai sensi del combinato disposto degli articoli 222 e 223 del codice della strada.

In buona sostanza la violazione degli obblighi e divieti imposti ai sensi degli articoli 6 e 7 rientrano nelle norme di comportamento cosi come previsto dall’articolo 140,2 comma.

Risposta:

 

L’articolo 222 del Codice della strada si applica “Qualora da una violazione delle norme di cui al presente codice derivino danni alle persone”. Pertanto, quale che sia la norma violata, la procedura di ritiro della patente, nel caso di specie è corretta, non richiedendo il Legislatore che la violazione debba riguardare specificamente le norme del titolo V del codice della strada. Peraltro, come correttamente osservato nel quesito, ai sensi del comma 2 dell’articolo 140 del codice della strada (norma di apertura del titolo V), sono norme di comportamento anche quelle che precedono l’articolo citato, dovendo intendersi, la rete delle prescrizioni e divieti imponibili ex art. 6 e 7 del C.d.S., come una sorta di norma “in bianco” quanto al precetto, con limiti precostituiti per legge nella sua formulazione e sanzione tassativamente definita in sede di norma primaria. E’, infine, evidente, che nel caso di specie non si debba applicare la procedura del comma 1 ter dell’articolo 128 del C.d.S che non ricorre in questo caso per mancata previsione di sanzioni accessorie (nella specie, occorrerebbe la sospensione della patente) in caso di violazione dell’articolo 7.

Pino Napolitano

 

P.A.sSiamo

Condividi.

Informazioni sull'autore

Invia una risposta