Divieto di attraversamento delle piazze da parte dei pedoni. Corretta applicazione dell’art. 190 Cds.

0
254

Come noto, l’art. 190 del Cds sanziona il comportamento del pedone che attraversa la carreggiata senza servirsi degli attraversamenti pedonali. Più in particolare, poi, è vietato l’attraversamento  di piazze o larghi al di fuori degli attraversamenti pedonali, qualora esistano, anche se ubicati ad una distanza superiore ai 100 metri.

L’interpretazione di qualche corte di merito ha ritenuto, però, sussistente un divieto assoluto di attraversamento delle piazze o di larghi, partendo dall’assunto che il Cds impedisce l’attraversamento delle piazze al di fuori dell’utilizzo di strisce pedonali.

Cass. civ., sez. VI-3, 12/01/2021, n. 278, ricorda, però, che l’art. 190, secondo comma (in realtà è il comma 3) Cds, non vieta ai pedoni l’attraversamento tout court dei piazzali al di fuori delle strisce pedonali, poiché chiaramente condiziona il divieto al fatto che degli attraversamenti pedonali esistano “anche se a distanza superiore a quella indicata nel secondo comma”, caso nel quale il pedone deve raggiungere le strisce ed attraversare in quel punto.

Fin qui nulla da eccepire, d’altronde la norma risultava chiara anche prima dell’intervento della Cassazione. Piuttosto sarà circostanza di fatto stabilire se l’ubicazione delle strisce pedonali, pur ad una distanza superiore ai 100 mt., sia perfettamente fruibile per il pedone e, quindi, non sanzionabile ai sensi del citato comma 3 dell’art. 190 Cds

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui