Cercando di orientarmi nella materia toccata dalla depenalizzazione annunciata dai media qualche giorno fa, nel mentre ancora manca qualsivoglia provvedimento ufficiale, mi sono curiosamente imbattuto in una norma (art. 15 DL 39/2009): ” Ferma la facoltà del Capo del Dipartimento della protezione civile di autorizzare, anche convenzionalmente, l’uso temporaneo delle denominazioni, degli stemmi, degli emblemi e dei segni distintivi, di cui al comma 2, ed in deroga al comma medesimo, anche nell’ambito di iniziative culturali ed editoriali in coerenza con le finalità istituzionali e dell’immagine attribuite al Dipartimento della protezione civile, chiunque li utilizzi indebitamente è punito con la multa da 1.000 a 5.000 euro, salvo che il fatto costituisca più grave reato”.

Quindi, ho scoperto che L’uso del logo, degli stemmi, degli emblemi, delle denominazioni e di ogni altro segno distintivo dell’immagine, riferiti alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della protezione civile, e’ esclusivamente riservato agli operatori ad esso appartenenti e che costituisce DELITTO punito con la sola pena della multa, l’uso –anche nell’ambito di iniziative culturali ed editoriali- del logo, stemma, emblema, denominazioni e  ogni altro segno distintivo dell’immagine, riferiti alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della protezione civile.

Insomma, io volevo parlare della depenalizzazione e riferire ai lettori che questa norma, presto, sarà depenalizzata, sebbene l’effetto punitivo sarà più gravoso dell’originaria fattispecie penale, atteso che la sanzione sarà compresa tra i 5.000 Euro ed i 10.000 Euro (PMR 3.333).

Nel farlo, come d’uso per questa rivista, avrei voluto mettere anche una piccola immagine di richiamo, ma riteniamo prudente non rischiare di essere denunciati in fase di estinzione della storia penale di una norma che, questo ci sentiamo liberi di dirlo, esprime l’assurdo della legislazione italiana.

Forse, più che depenalizzata, avrebbero potuto abrogarla, ma questa è una storia diversa.

Comunque sia, godetevi l’immagine di richiamo alla protezione civile…. non mi pare che i “Simpson” siano oggetto di protezione normativa (diversa dalle leggi sul copyright che rispettiamo, avendo verificato che trattasi di immagine linea sul web)

protezione civile

Condividi.

Informazioni sull'autore

Pino Napolitano

Avvocato, dirigente comunale, Dottore di ricerca e specializzato in Diritto Amministrativo.

Invia una risposta