Avuto riguardo alle “opposizioni a verbale di accertamento di violazioni del Codice della Strada” di cui agli artt. 204 bis D.Igs. n. 285/1992 e 7 D.Igs. n. 150/2011, la competenza resta sempre attribuita in via esclusiva per materia – senza alcun limite di valore né di natura accessoria della sanzione – al Giudice di Pace del luogo in cui è stata commessa la violazione Con queste parole, la cassazione civile, sezione VI, con ordinanza n°4425 del 23 febbraio 2018 ha disciplinato il regolamento di competenza in materia di sanzioni pecuniarie derivanti dall’applicazione della sanzione prevista per la condotta di “guida senza patente”.

Condividi.

Informazioni sull'autore

Pino Napolitano

Avvocato, dirigente comunale, Dottore di ricerca e specializzato in Diritto Amministrativo.

Invia una risposta