Non sussiste il danno da ritardo nel caso in cui non sia ravvisabile alcuna colpa nell’operato dell’amministrazione e la tempistica procedimentale consenta agevolmente di escludere un atteggiamento dilatorio in capo alla P.A.. E’ quanto affermato dal  Consiglio di Stato Sezione Quarta con sentenza n. 2964 del 19/6/2014.

VINCENZO SMALDONE

P.A.sSiamo

Condividi.

Informazioni sull'autore

Invia una risposta