Non è illegittimo richiedere il DURC per le piccole attrazioni.

Il Comune di Viareggio ha rigettato l’istanza presentata da un operatore dello spettacolo viaggiante, per ottenere l’autorizzazione ad effettuare un servizio temporaneo di trasporto turistico a mezzo trenino gommato (c.d. “trenino lillipuziano”) con itinerario prestabilito, in base alla circostanza di aver richiesto all’interessato la presentazione della Documento di Regolarità Contributiva.

Contro questo atteggiamento insorge l’interessato innanzi al TAR TOSCANA che, in sede cautelare, (con ordinanza n°451 del 26/07/2018) rigetta il ricorso ritenendo “non ingiustificata la richiesta del DURC da parte del Comune di Viareggio al fine del rilascio dell’autorizzazione in oggetto”.

Condividi.

Informazioni sull'autore

Pino Napolitano

Avvocato, dirigente comunale, Dottore di ricerca e specializzato in Diritto Amministrativo.

Invia una risposta