Interessante sentenza del Consiglio di Stato, Sez. V, n°03720/2017 (che conferma l’arresto del TAR del Lazio, Roma, Sezione II BIS, n. 8614/2016) con cui si conferma la legittimità dell’azione amministrativa di revoca di una licenza per Noleggio Con Conducente, quale conseguenza del “mancato utilizzo della rimessa all’uopo dichiarata”.

La questione, in definitiva, è semplice: basta che la Polizia Municipale faccia una verifica (anche più di una) e documenti bene i fatti. Nel caso di specie (che riguarda il Comune di Fara Sabina) “dalla documentazione depositata in giudizio dall’amministrazione comunale si ricava che in data 7/1/2015 la Polizia Municipale ha proceduto a verificare la presenza del veicolo nella rimessa di via … senza rinvenirlo, inoltre il proprietario del suddetto locale ha dichiarato di non conoscere il sig. …. e di non aver mai visto il veicolo adibito all’attività di NCC nel proprio edificio”.

Da qui la legittimità della revoca dell’autorizzazione.

Condividi.

Informazioni sull'autore

Pino Napolitano

Avvocato, dirigente comunale, Dottore di ricerca e specializzato in Diritto Amministrativo.

Invia una risposta