La notificazione mediante PEC, anche se irrituale è sanata dalla conoscenza.

Interessante quanto si legge nella sentenza del Tribunale di Caltanissetta (Sez. lavoro, Sent., 03-10-2019).

Nel contenzioso ivi incardinato, assumeva parte ricorrente che la notifica del preavviso di fermo, eseguita a mezzo PEC, dovesse considerarsi invalida, posto che la ricevuta di avvenuta consegna non consente di verificare l’effettiva conoscenza da parte del destinatario, inoltre difetterebbe l’attestazione di conformità e mancherebbe, altresì, la relazione di notificazione.

Le doglianze sono state considerate infondate, essendo stato sufficiente a tal fine rilevare che le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno affermato che l’irritualità della notificazione di un atto a mezzo di posta elettronica certificata non ne comporta la nullità se la consegna dello stesso ha comunque prodotto il risultato della sua conoscenza e determinato così il raggiungimento dello scopo legale (Cass. 28 settembre 2018 n. 23620). Occorre altresì tenere conto che è stato affermato che la natura sostanziale e non processuale della cartella di pagamento non osta all’applicazione di istituti appartenenti al diritto processuale, soprattutto quando vi sia un espresso richiamo di questi nella disciplina tributaria; sicchè il rinvio disposto dal D.P.R. n. 602 del 1973, art. 26, comma 5, (in tema di notifica della cartella di pagamento) al D.P.R. n. 600 del 1973, art. 60 (in materia di notificazione dell’avviso di accertamento), il quale, a sua volta, rinvia alle norme sulle notificazioni nel processo civile, comporta, in caso di nullità della notificazione della cartella di pagamento, l’applicazione dell’istituto della sanatoria per raggiungimento dello scopo, di cui all’art. 156 c.p.c. (Cass. 30 ottobre 2018, n. 27561). I suddetti principi sono stati ulteriormente ribaditi dalla recente sentenza della Cassazione civile sez. VI del 05/03/2019, n. 6417 relativa ad una notifica a mezzo PEC di pignoramento presso terzi ad opera del Concessionario per la Riscossione.

Condividi.

Informazioni sull'autore

Pino Napolitano

Avvocato, dirigente comunale, Dottore di ricerca e specializzato in Diritto Amministrativo.

Invia una risposta