clicca qui per l’acquisto

Il volume prende in esame regolamenti e ordinanze comunali, tenendo conto del fatto che il potere di adottarli e approvarli non è senza limiti e va modellato con attenzione sulla realtà locale, rispettando i criteri basilari definiti dalla Carta Costituzionale.

Capitolo 1 – I regolamenti del comune
1. La “regolamentazione” come fatto umano; delimitazioni di campo
2. I regolamenti nel diritto pubblico: caratteristiche, fondamento e limiti
3. Il complesso sistema delle fonti del diritto nel nostro ordinamento e lo smarrimento delle coordinate per definire la supremazia tra le diverse fonti secondarie, dopo la riforma del titolo V della Costituzione: la valorizzazione del criterio di competenza
4. Descrizione della genesi e tipologia delle diverse fonti regolamentari
4.A. I regolamenti statali
4.B. I regolamenti delle Autorità amministrative indipendenti
4.C. I regolamenti delle Regioni
4.D. I regolamenti degli Enti Locali
5. I limiti alla regolamentazione comunale secondo la giurisprudenza
6. La valorizzazione dei regolamenti comunali attraverso il D.L. n. 14/2017 (conv. con L. n. 48/2017): la nuova stagione dei regolamenti di Polizia Urbana
Appendice al Capitolo 1: Modulistica – Promemoria per l’adeguamento del Regolamento Comunale di Polizia Urbana
Capitolo 2 – Le Ordinanze del Comune
1. Quadro di sintesi del potere di ordinanza del sindaco nel contesto contemporaneo. Raccordo con le ordinanze gestionali dei dirigenti e con i regolamenti comunali
2. Inquadramento teorico generale del potere di ordinanza
3. Ordinanze comunali “normali” ed ordinanze sindacali extra ordinem: il ruolo dell’articolo 107, a confronto con gli articoli 50 e 54 del T.U.EE.LL.
3.A. I poteri di ordinanza tipici e nominati riferibili al sindaco ed al Comune previsti dalla legislazione speciale antecedente al T.U.EE.LL.
3.B. Relazioni, tensioni e conflitti sottesi al riparto di competenza tra “ordinanze normali” ed “ordinanze extra ordinem”. Assetto giurisprudenziale sull’equilibrio di competenza tra ordinanze dirigenziali ed ordinanze sindacali e prospettazione di soluzioni
4. Le ordinanze del sindaco nel contesto ordinamentale contemporaneo
4.A. Ordinanze contingibili ed urgenti per fronteggiare emergenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale
4.B. Ordinanze contingibili ed urgenti per fronteggiare l’urgente necessità di interventi volti a superare situazioni di grave incuria o degrado del territorio, dell’ambiente e del patrimonio culturale o di pregiudizio del decoro e della vivibilità urbana, con particolare riferimento alle esigenze di tutela della tranquillità e del riposo dei residenti, anche intervenendo in materia di orari di vendita, anche per asporto e di somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche
4.C. Ordinanze non contingibili né urgenti per assicurare la tranquillità e il riposo dei residenti nonché dell’ambiente e del patrimonio culturale in determinate aree delle città interessate da afflusso particolarmente rilevante di persone, anche in relazione allo svolgimento di specifici eventi
4.D. Ordinanze contingibili ed urgenti, nel rispetto dei princìpi generali dell’ordinamento, al fine di prevenire e di eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità pubblica
4.E. Ordinanze contingibili ed urgenti, nel rispetto dei princìpi generali dell’ordinamento, al fine di prevenire e di eliminare gravi pericoli che minacciano la sicurezza urbana
5. Le ordinanze del sindaco: corollari inerenti la sanzione per l’inottemperanza all’ordine e per l’esecuzione coattiva dello stesso
6. Aspetti processuali inerenti le ordinanze del Comune: mezzi di tutela, giurisdizione e legittimazione
Appendice al Capitolo 2: Modulistica meramente didattica ed indicativa, per l’esercizio corretto del potere di ordinanza, in cinque distinte articolazioni per materia.

Condividi.

Informazioni sull'autore

Pino Napolitano

Avvocato, dirigente comunale, Dottore di ricerca e specializzato in Diritto Amministrativo.

Invia una risposta