Il TAR Toscana sulla circolazione dei monopattini. Il vizio di legittimità prevale, sempre, sul merito.

0
158

Come noto, ai sensi dell’art. 1 c. 75 L. 27/12/2019 n. 160, come sostituito dall’art. 33-bis c. 2 D.L. 30/12/2019 n. 162, convertito con modificazioni dalla L. 28/2/2020 n. 8, i monopattini a propulsione prevalentemente elettrica, non dotati di posti a sedere – perché destinati a essere utilizzati con postura in piedi – aventi motore elettrico di potenza nominale continua non superiore a 0,50 kW (500 watt), rispondenti agli altri requisiti tecnici e costruttivi indicati nel D.M. Trasporti 4/6/2019, sono considerati velocipedi.

La recente L. 120/20, di conversione con modifiche del D.L. 76/2020, ha recato una serie di disposizioni concernenti la mobilità ciclabile.

Ritenuta la pericolosità della circolazione di tali veicoli, con Ordinanza 508/2020 del 18 dicembre 2020, il Sindaco di Firenze ha introdotto l’obbligo di indossare un idoneo casco protettivo per i conducenti dei monopattini elettrici, che circolano sulle strade comunali nel territorio del Comune di Firenze.

Avverso tale ordinanza, che dispone l’obbligo di indossare il sistema di protezione anche ai maggiorenni, hanno proposto ricorso al T.A.R. due società autorizzate a gestire il servizio di mobilità su monopattino.

Osserva il giudice amministrativo che il generico riferimento, contenuto nell’atto impugnato, al potere di ordinanza contingibile e urgente, non trova alcun riscontro in una concreta ed effettiva situazione di emergenza locale.

Peraltro, sebbene la fonte normativa di cui all’art. 7 c. 1 C.d.S. demandi  la disciplina della circolazione sulla viabilità comunale a un provvedimento sindacale, si tratta, in realtà, di una competenza dirigenziale. Infatti, ai sensi dell’art. 107 D.Lgs. 18/8/2000 n. 267, recante Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, spetta al dirigente comunale competente, e non al sindaco, l’adozione dei relativi provvedimenti. Tale potere, infatti, è espressione di una prerogativa gestionale, sprovvista di alcun contenuto politico.

Con sentenza del 27/1/2021, il T.A.R. per la Toscana ha, quindi, accolto per il vizio di incompetenza.

Per conoscere se il merito della questione è fondato, ci aspettiamo un nuovo provvedimento (dirigenziale).

Tar Toscana, sez. I, sentenza 8 febbraio 2021, n. 215.

clicca qui per il codice della strada per l’udienza di Fabio Piccioni

Presentazione
L’ebook illustra l’articolato inerente il Nuovo codice della strada (D.Lgs. 30/4/1992, n. 285) e la normativa complementare accuratamente selezionata.
Un testo per gestire facilmente l’intera procedura stradale: accertamento, contestazione, notifica, pagamento in misura ridotta, tutela in sede amministrativa, tutela in sede giurisdizionale sia civile che penale.
Riporta in calce a ogni articolo le disposizioni più rilevanti del Regolamento di esecuzione e i puntuali rinvii alle singole norme di diritto sostanziale e processuale della legislazione complementare e, nella parte finale, Formule e Tabelle di approfondimento per un’immediata e pratica consultazione.
Nell’ebook sono presenti le recentissime modifiche recate, dal D.M. 31/12/2020, di aggiornamento degli importi delle sanzioni amministrative pecuniarie che, per la prima volta nella storia del Codice della strada, sono stati diminuiti nei limiti edittali minimi e massimi a decorrere dal 1° gennaio 2021.
Gli ulteriori aggiornamenti riguardano la Legge di bilancio 2021 (L. 30/12/2020 n. 178), nonché la miniriforma al codice della strada recata dalla conversione del Decreto Semplificazioni (D.L. 16/7/2020 n. 76, convertito con modifiche dalla L. 11/9/2020 n. 120).
Il testo risulta facilmente consultabile grazie all’indice navigabile, che permette di ricercare e scorrere immediatamente l’argomento prescelto.
A chi si rivolge
    • Magistrati
    • Corpi di polizia
    • Avvocato
Indice sintetico
PARTE I – CODICE DELLA STRADA
Decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285. Nuovo codice della strada
PARTE II – DISPOSIZIONI COMPLEMENTARI
PARTE III – FORMULE E TABELLE

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui