La Corte di Cassazione ha affrontato l’argomento dell’uso improprio di un lampeggiante per auto del tipo in uso alle forze di Polizia, utilizzato da un appartenente alle forze dell’ordine mentre era in vacanza confermando la condanna del giudice di primo grado per il reato di cui all’art 497 ter c.p.

 

 

Questi gli articoli di interesse:

 Art. 497-bis. Possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi.

Chiunque è trovato in possesso di un documento falso valido per l’espatrio è punito con la reclusione da uno a quattro anni.

La pena di cui al primo comma è aumentata da un terzo alla metà per chi fabbrica o comunque forma il documento falso, ovvero lo detiene fuori dei casi di uso personale.

Art. 497-ter. Possesso di segni distintivi contraffatti. 

Le pene di cui all’articolo 497-bis si applicano anche, rispettivamente:
1) a chiunque illecitamente detiene segni distintivi, contrassegni o documenti di identificazione in uso ai Corpi di polizia, ovvero oggetti o documenti che ne simulano la funzione;
2) a chiunque illecitamente fabbrica o comunque forma gli oggetti e i documenti indicati nel numero precedente, ovvero illecitamente ne fa uso.

QUESTO IL TEMA DOMINANTE DELLA SENTENZA

 La Suprema  Corte  ha escluso il doversi applicare,  secondo il principio di specialità  di cui all’art. 9 della legge 689/81, l’art. 177 c. 4  del D.lgs. 285/1992,  che punisce l’uso improprio  da parte di  un soggetto legittimato. Nel caso di specie la Corte di Cassazione ha precisato che se anche il dispositivo non era di provenienza illecita,  perchè acquistato tramite canali ordinari leciti, comunque non poteva essere detenuto dall’appartenente alle forze dell’ordine a titolo privato.  Il fatto che il soggetto utilizzatore appartenesse ad un corpo di Polizia non lo abilitava  all’utilizzo in quanto l’uso deve avvenire solo nell’esercizio delle funzioni, che nel caso di specie il soggetto non stava in concreto esercitando.    

Corte di Cassazione sentenza n. 32964 del 24 luglio 2014

Giuseppe Capuano

P.A.sSiamo

Condividi.

Informazioni sull'autore

Invia una risposta